Moda mare bambini, consigli di stile

Con l’arrivo della stagione estiva, arriva il tanto temuto momento della prova costume: un appuntamento che non riguarda solo gli adulti, ma che coinvolge anche i bambini. La scelta dei loro costumini, infatti, deve essere effettuata dai genitori con attenzione sia al design che alla qualità dei materiali. Il problema è che non è possibile riciclare i costumi tra un anno e l’altro: la crescita dei piccoli è così rapida che le taglie si evolvono, e così ci si ritrova alle prese con slip e boxer che ormai sono troppo stretti.

Quali costumi acquistare per i bambini?

costumi da mare Mc2 Saint Barth rappresentano un eccellente esempio di come la qualità si possa coniugare con lo stile anche nei costumi da bagno per i bambini. Ma al di là di questo brand, quali sono gli aspetti che è opportuno valutare in vista di un acquisto? Prima di tutto la taglia, come si può facilmente immaginare: un aspetto più impegnativo di quel che si pensi, specialmente quando si parla di neonati. In questo caso, infatti, non bisogna dimenticare che il costumino dovrà contenere anche il pannolino. Per i bambini più grandicelli, invece, si tratta di decidere tra i boxer, i pantaloncini aderenti e gli slip, ma negli ultimi anni hanno preso piede perfino i costumi interi per i maschietti.

Slip o boxer?

Un attento esame dei pro e dei contro di slip e boxer permette di individuare la soluzione più adatta alle proprie necessità. Gli slip di sicuro sono meno ingombranti, una caratteristica che si fa apprezzare soprattutto dopo il bagno; i boxer, d’altro canto, sono in grado di assicurare una protezione migliore, soprattutto rispetto alla sabbia che potrebbe entrare in contatto con le zone più sensibili della pelle. In entrambi i casi, è essenziale fare affidamento su tessuti confortevoli: meglio ancora se si tratta di tessuti tecnici, ideali per permettere ai bimbi di non essere a disagio e di non dover fare i conti con rossori e irritazioni.

Per poter essere considerato gradevole ed efficiente, un costume da bagno per un bambino o per una bambina deve risultare aderente, così da non rischiare di sfilarsi, soprattutto nel momento in cui i piccoli si trovano in acqua. Il comfort è una peculiarità strettamente correlata alla qualità; per le bambine può essere un’idea vincente quella di ricorrere sia a costumi a due pezzi che a costumi interi, alternandoli a seconda che si tratti di giocare sulla sabbia o di entrare in acqua.

In qualsiasi costume è bene prestare molta attenzione all’elastico, che deve essere tale da non stringere troppo e da non lasciare il segno. Un altro dettaglio da non sottovalutare riguarda le cuciture, che devono essere il più possibile resistenti per evitare di usurarsi o di rompersi facilmente. Quando un costume esce dalla lavatrice, non deve apparire scolorito o rimpicciolito: se ciò avviene, vuol dire che si ha a che fare con un prodotto di scarsa qualità che è meglio mettere da parte.

Infine, non si può fare a meno di pensare ai disegni e ai colori dei costumini: i bambini devono poter sentirsi orgogliosi di indossarli. Ecco, quindi, i ritratti dei personaggi dei fumetti e le raffigurazioni dei protagonisti dei cartoni animati, ma anche le rappresentazioni dei super eroi, ideali per far sentire al sicuro i piccoli che sono costretti a indossare i costumi con i galleggianti, utili per chi deve ancora prendere dimestichezza con l’acqua.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *